Skip to main content

Referenze / Casi di studio / I.P.A.E. – Progarden

I.P.A.E. – Progarden

Revamping del circuito di raffreddamento ad acqua refrigerata per le presse di stampaggio plastica preso lo stabilimento di Merone (CO).
Lo stabilimento si estende su una superficie di circa 21.000 m2, nel reparto produzione sono installate 27 presse idrauliche ed elettriche. Le presse sono raffreddate attraverso due circuiti idraulici: uno a +30°C con acqua di torre ed uno a +10°C con acqua refrigerata.
L’impianto di raffreddamento ad acqua refrigerata esistente era realizzato con un’unica circolazione: le stesse elettropompe inviavano l’acqua agli evaporatori dei gruppi frigoriferi e successivamente ai vari scambiatori delle presse. Questa situazione creava notevoli problemi di gestione delle portate del fluido di raffreddamento in quanto legava la portata da inviare agli scambiatori delle presse alla portata che transitava all’interno degli evaporatori costringendo gli operatori a continue manovre manuali su by-pass idraulici.
L’intervento di revamping dell’impianto di raffreddamento è consistito principalmente nell’inserimento di un serbatoio inerziale da 2.000 lt con funzione di disgiuntore idraulico e di due gruppi gemellari per la circolazione primaria del fluido refrigerato tra il serbatoio e gli evaporatori dei due gruppi frigoriferi. E’ stato inoltre creato il circuito secondario alle utenze collegando le tubazioni a valle delle elettropompe esistenti al serbatoio inerziale.
A completamento dell’intervento si è provveduto ad installare su ogni elettropompa del circuito secondario un convertitore di frequenza e due trasduttori di pressione sui collettori di mandata e di ritorno sempre del circuito secondario. Collegando i due trasduttori di pressione ad un regolatore DDC tramite un algoritmo specifico è stato possibile adeguare la portata dell’acqua del circuito secondario alle effettive richieste di raffreddamento delle presse.
Al termine dell’intervento è stato possibile garantire una portata costante ad entrambi gli evaporatori dei gruppi frigoriferi consentendo un funzionamento ottimale degli stessi ed una portata variabile sul circuito secondario che si può così adattare automaticamente alle richieste di raffreddamento delle presse con un notevole risparmio di energia elettrica assorbita.
L’intervento di revamping è stato realizzato con lo stabilimento aperto e funzionante ed è stato portato a termine senza arrecare nessun disservizio alle presse che per tutta la durata dell’intervento (otre tre mesi) hanno continuato produrre.
Caratteristiche principali dell’impianto:
• Potenzialità frigorifera complessiva: 1.900 kW
• Portata complessiva circuito primario: 312.00 lt/h
• Portata massima circuito secondario: 400.000 lt/h