Skip to main content

Referenze / Casi di studio / MAK

MAK

Progettati ed installati gli impianti tecnologici a servizio delle due nuove isole di fusione robotizzate per produzione di cerchi in lega, presso la fonderia  Mak spa a Gussago (BS).

In una superficie di circa 2.900 m2, la Mak spa ha realizzato due isole di fusione completamente automatizzate gestite da molteplici robot in cui funzionano 4 forni di mantenimento ,8 conchigliatrici e 4 vasche di raffreddamento. A servizio di tale impianto la CLIMAT srl ha progettato e realizzato:

  • Impianto di raffreddamento delle conchigliatrici delle vasche di raffreddamento
  • Impianto di raccolta ed allontanamento fumi dei forni di mantenimento
  • Impianto di adduzione olio pneumatico ad alta pressione, di gas metano e di aria compressa

IMPIANTO DI RAFFREDDAMENTO:

E’ stata installata una nuova torre di raffreddamento con relativa vasca di raccolta. L’acqua raffreddata viene condotta in prossimità delle conchigliatrici e delle vasche di raffreddamento tramite tubazioni in cunicoli interrati, dimensionate in modo da garantire il raffreddamento di 20 cerchi/ora per ciascuna vasca. L’acqua persa per evaporazione nella torre e nelle vasche di raffreddamento viene reintegrata con acqua di pozzo desalinizzata mediante impianto ad osmosi inversa ed opportunamente trattata tramite un sistema di dosaggio in linea di anticorrosivo-antincrostante e batteriostatico. L’acqua di scarico dalle varie utenze viene poi condotta e raccolta in una vasca interrata d’accumulo di acqua calda.

Caratteristiche principali dell’impianto:

  • Resa in raffreddamento: 370 kW
  • Temperatura ingresso acqua: 34°C
  • Temperatura uscita acqua: 29°C
  • Portata acqua: 40 m3/h
  • Dimensione vasca d’accumulo acqua raffreddata: 12 m3
  • Dimensione vasca d’accumulo acqua calda: 10 m3
  • Cerchi raffreddabili: 80 cerchi/h

 

IMPIANTO DI RACCOLTA ED ALLONTANAMENTO FUMI:

Al fine di allontanare i fumi derivanti dal processo di fusione sono state realizzate sopra i forni due cappe in acciaio con relativa struttura a telaio di sostegno. Esse sono state collegate all’impianto esistente di estrazione tramite due nuovi canali appositamente dimensionati per garantire l’aspirazione di 16.000 m3/h di fumi ciascuno.

 

IMPIANTO DI ADDUZIONE OLIO, GAS ED ARIA COMPRESSA:

Le tubazioni che collegano le centraline di distribuzione di olio pneumatico alle conchigliatrici sono state posate all’interno in cunicoli interrati e sono state realizzate con tubazioni schedulate idonee a sopportare alte pressioni. L’alimentazione di gas metano ed aria compressa è stata invece garantita mediante tubazioni aeree, con calate in corrispondenza dei pilastri dell’edificio o della struttura di sostegno della cappa.

Caratteristiche principali dell’impianto di adduzione olio pneumatico:

  • Pressione olio pneumatico: 160 bar
  • Temperatura olio pneumatico: +50°C